Giorno n*6 (giornon5andato)

Il giorno n*5 è semplicemente scomparso, inghiottito dall’onda lunga della paura, del risentimento, della noia.
Il giorno 6 invece è stato il giorno della consapevolezza, dell’autodisciplina.
Un asciutto asciutto, compatto.

Una descrizione della paura è questa qui sotto:

“La paura gli stava dentro come un cane arrabbiato: guaiva, ansava, sbavava, improvvisamente urlava nel suo sonno; e mordeva, dentro mordeva, nel fegato nel cuore. Di quei morsi al fegato che continuamente bruciavano e all’improvviso doloroso guizzo del cuore, come di un coniglio vivo in bocca al cane, i medici avevano fatto diagnosi, e medicine gli avevano dato da riempire tutto il piano del comò: ma non sapevano niente, i medici, della sua paura”.
(Leonardo Sciascia, Il giorno della Civetta)

20150315-202138.jpg

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.